Storia del SuperEnalotto

La prima estrazione del SuperEnalotto è avvenuta mercoledì 3 dicembre 1997, ma le sue origini possono essere fatte risalire fino agli anni cinquanta, ovvero quando il suo predecessore – l’Enalotto – fece il suo debutto in Italia.

Ecco alcuni dei momenti più importanti della storia di questo gioco, ovvero quelli che hanno portato il SuperEnalotto a diventare la grande lotteria che è oggigiorno.

Enalotto

Enalotto

L’Enalotto era stato concepito originariamente come un gioco 1X2, tipo il Totocalcio, in cui i risultati corrispondevano al primo numero estratto su ciascuna delle ruote del Lotto in ordine alfabetico, più il secondo estratto sulle ruote di Napoli e Roma. I giocatori dovevano scegliere ‘1’, ‘X’ o ‘2’ in ciascuna delle 12 caselle cercando di indovinare l’intervallo di numeri esatto.

Si sceglieva ‘1’ se si pesava che il numero estratto sarebbe stato fra 1 e 30, ‘X’ fra 31 e 60 e ‘2’ fra 61 e 90. Si vincevano dei premi facendo 10, 11 o 12 punti.

SuperEnalotto

Trasformazione in SuperEnalotto

Nel Sisal si aggiudicò l’Enalotto in concessione, e decise di modificare il formato del gioco per renderlo più interessante e invertire il trend negativo della sua raccolta di gioco. Ribattezzato SuperEnalotto, il gioco richiedeva di scegliere sei numeri fra 1 e 90. Le estrazioni si basavano ancora sui numeri del Lotto, riprendendo in ordine alfabetico le ruote di Bari, Firenze, Milano, Napoli, Palermo e Roma, mentre il numero Jolly proveniva dalla ruota di Venezia. Se un numero appariva più di una volta, per creare la combinazione di sei numeri unici veniva usato il secondo numero della ruota in questione.

  • 3 dicembre 1997

    La prima estrazione del SuperEnalotto

    I numeri vincenti della prima estrazione sono stati 20 36 39 41 76, e il Jolly 88, ma in quell’occasione nessuno si aggiudicò il jackpot.

    Due mesi dopo il suo debutto, il SuperEnalotto si rivelò un successo: le vendite aumentarono del 1.000%, con 50 milioni di giocate per estrazione e giocatori che facevano la fila in ricevitoria per provare a vincere il jackpot da 12 miliardi di lire.

  • 17 gennaio 1998

    Prima vincita del jackpot

    Il primo vincitore del jackpot, che centrò la sestina di sabato 17 gennaio 1998, si aggiudicò un premio da 11,8 miliardi di lire. Il biglietto vincente era stato venduto a Poncarale, in provincia di Brescia.

  • 2 gennaio 2002

    Prima estrazione con l'euro

    La prima estrazione con i premi pagati in euro avvenne mercoledì 2 gennaio 2002, in seguito all'introduzione delle banconote e delle monete in euro in Italia avvenuta il giorno precedente. Il costo di una schedina al SuperEnalotto da 1.936 lire divenne 1 € (giocata minima da due colonne).

    Negli anni immediatamente precedenti il 2002 (ovvero quando l'Italia adottò l'euro come moneta ufficiale), Sisal aveva iniziato a presentare i premi sia in lire che in euro, per aiutare i giocatori a famiiliarizzare con la nuova valuta. Il SuperEnalotto iniziò a presentare i premi principalmente in euro nel dicembre del 2000, e la prima estrazione con i premi in euro risale a mercoledì 13 dicembre 2000.

  • 28 marzo 2006

    Debutto del numero SuperStar

    Con l’intento di aumentare il numero dei vincitori Sisal decise di introdurre il SuperStar, un nuovo gioco supplementare che avrebbe offerto ai giocatori ulteriori occasioni di vincere premi più ricchi. Ad un costo addizionale sarebbe stato possibile scegliere un numero SuperStar fra 1 e 90, aumentando il numero di premi disponibili da 6 a 14.

  • 2 dicembre 2008

    Prima vincita del jackpot + SuperStar

    Per la prima volta un giocatore indovinò tutti i sei numeri principali e il SuperStar (probabilità di vincita: 1 su 56.035.316.700). Il jackpot da 45 milioni di euro, più il bonus da 2 milioni per aver indovinato il SuperStar, fu assegnato ad un sistema da 30 quote giocato a Rossano Stazione (Cosenza).

  • 2 luglio 2009

    Cambia la modalità d’estrazione

    Il SuperEnalotto diventa un gioco indipendente, rimpiazzando i numeri delle ruote del Lotto con numeri sorteggiati da un’urna appositamente dedicata. La sede dell’estrazione si trova a Roma.

    L’ultima estrazione del SuperEnalotto in cui sono stati usati i numeri del Lotto è quella di martedì 30 giugno 2009, e la prima estrazione indipendente è quella di giovedì 2 luglio 2009.

  • 30 ottobre 2010

    Il più alto jackpot mai vinto al SuperEnalotto

    Nell’autunno del 2010 il jackpot del SuperEnalotto aveva raggiunto quota 177,7 milioni di euro, e fu vinto sabato 30 ottobre grazie ad un sistema da 70 quote giocato a Milano. Tale cifra resta tuttora il più alto jackpot mai vinto in tutta la storia del SuperEnalotto.

  • 2 febbraio 2016

    Aumento del costo delle giocate e delle possibilità di vincere

    Il prezzo di un singolo biglietto aumentò da 50 centesimi a 1 €, ma da quel momento in poi non era più obbligatorio acquistare minimo due giocate. Fu aggiunta una nuova categoria di premio per chi indovina due numeri, portando le probabilità di vincita complessive di aggiudicarsi un premio da 1 su 318 a 1 su 20*. Furono introdotte anche le vincite immediate, con cui è possibile vincere 25 € semplicemente acquistando un biglietto. Venne introdotto un jackpot minimo garantito da due milioni di euro.

    *Stima basata su una giocata standard al SuperEnalotto senza il numero SuperStar ed escludendo le probabilità di vincita delle vincite immediate.

  • 27 ottobre 2016

    Doppio record

    Fra giovedì 16 luglio 2015 e giovedì 27 ottobre 2016 nessuno riuscì a vincere il jackpot del SuperEnalotto. Dopo un’attesa durata 200 estrazioni e 67 settimane, una singola giocata effettuata in Calabria centrò la sestina vincente e si aggiudicò 163,5 milioni di euro. Il vincitore centrò anche il SuperStar, ottenendo così un bonus da 2 milioni di euro oltre al jackpot.

    Si trattò di un record sia per quanto riguarda la più lunga attesa per un vincitore del jackpot sia per quanto riguarda il più alto jackpot mai vinto da un singolo giocatore (il più alto jackpot in assoluto, del valore di 177,7 milioni di euro, era stato ottenuto con un sistema da 70 quote). Si è trattata anche della seconda volta in tutta la storia del gioco che qualcuno riuscì a indovinare sia la sestina che il SuperStar.